Al Castello di Agliè va in scena il '700

Il '700 è tornato di gran moda. Sulle passerelle hanno sfilato le emule di Maria Antonietta, mentre in tv le fiction (“Elisa di Rivombrosa”, produzione Mediaset, “La Bella e la Bestia”, produzione RAI) attingono a piene mani a quel periodo storico. Per vivere appieno questo periodo storico niente di meglio di una rievocazione. Il 23 aprile al Castello di Agliè (Torino) si terrà Emozioni Barocche. Nei giardini della splendida dimora 130 i partecipanti in abiti d'epoca, provenienti da tutta Italia, ricreeranno dei tableaux vivants, che faranno vivere ai visitatori un’intera giornata di cerimoniali della vita di corte attraverso i banchetti, i giochi, la moda, i balli e la musica.

 
Il Castello di Agliè
Giardino all'italiana
Il teatrino
Le cucine
Il salone da ballo

Perfetta location il Castello di Agliè è un’elegante e maestosa costruzione già proprietà dei marchesi San Martino poi divenuta una delle più suggestive Residenze Sabaude, vanta un antico e nobile passato, testimoniato dalla varietà degli allestimenti che ancora caratterizzano appartamenti e giardini. Il nucleo originario del Castello risale al XII secolo, periodo in cui la dinastia dei San Martino si stava affermando nell’area canavesana. La prima trasformazione fu operata nel 1646 per volontà del conte Filippo San Martino. Nel 1763 il Castello fu acquistato dai Savoia e venne affidato all'architetto Ignazio Birago di Borgaro un grandioso progetto di riqualificazione del complesso che coinvolgeva il borgo stesso di Agliè. Durante la dominazione napoleonica il Castello fu trasformato in ospizio, il parco lottizzato e venduto a privati ma nel 1823 rientrò nei possedimenti reali e due anni dopo ebbe inizio l’ultimo intervento di aggiornamento degli appartamenti, voluto dal re Carlo Felice. Oggi la dimora è circondata da un parco con alberi secolari e grandi serre, da un Giardino all’Italiana, dal Giardino delle Terrazze, dal Giardino del Settecento che ospita la Fontana dei Quattro Fiumi, dal Parco e dal Giardino all’Inglese. Il castello conta oltre 300 stanze con un patrimonio di arredi e collezioni prezioso ed eterogeneo, che spazia dai quadri ai reperti archeologici, fino alle sorprendenti raccolte ornitologiche e orientali. Il salone da ballo affrescato e la successione di ambienti d’epoca perfettamente conservati rendono il castello un trionfo di eleganza romanticismo e splendore. Venduto allo Stato nel 1939, dal 1997 la Residenza è iscritta alla Lista del patrimonio Mondiale UNESCO.

This is a bridge
This bridge is very long
On the road again
This slideshow uses a JQuery script adapted from Pixedelic

IL PROGRAMMA

A partire dalle ore 11 accoglienza delle Dame e dei Cavalieri nei Giardini del Castello

Ore 12,30 Dejeuner sur herbe

ATTIVITA' PER BAMBINI

Dalle 14,30 alle 16,30 “Il mio abito da Principe/Principessa” – laboratorio di disegno creativo per bambini dai 6 ai 12 anni a cura di Nobiltà Sabauda

Ore 14,30 esibizione canto lirico accompagnato dal duo di violini “Gli Archimisti". A seguire, a cura di Nobiltà Sabauda, presentazione di danze '700 con lezione di danza del "Minuetto Rondo'"

Dalle ore 15,30 alle ore 16 danze proposte dalle Dame e i Cavalieri presenti

Ore 16 esibizione canto lirico accompagnato dal duo di violini “Gli Archimisti". A seguire, a cura di Nobiltà Sabauda, presentazione di danze '700. Lezione del "Minuetto Bosco Incantato"

Dalle ore 16,30 alle ore 17 danze proposte dalle Dame e i Cavalieri presenti

Ore 17 esibizione canto lirico accompagnato dal duo di violini “Gli Archimisti". Esibizione Minuetto Rondò e Minuetto Bosco Incantato con le Dame e i Cavalieri che hanno seguito le lezioni

Ore 18 a chiusura dell'evento Minuetto Vivaldi eseguito da Nobiltà Sabauda

L'ANGOLO ALLA MODA

Alle ore 15 e alle ore 16,30 Una chiacchierata sull'abbigliamento nel Settecento con esposizione di abiti e accessori realizzati da Bianca Maria Del Monte, Luisa Pelle, Erminia Marta Spaziani e parrucche di Raffaella Dal Ben. A cura di Mariangela Di Gianni, Bianca Maria Del Monte e Luisa Pelle.

ALTRE ATTIVITÀ

Esibizioni itineranti in musica del duo di violini “Gli Archimisti"

Ricami barocchi , a cura del gruppo storico Conte Occelli di Nichelino

Piccola esposizione di abiti d'epoca, a cura del gruppo storico Conte Occelli di Nichelino Galateo barocco, a cura del gruppo storico Conte Occelli di Nichelino

Araldica gentilizia

Giro in carrozza nei Giardini e nel Parco

Questo sito utilizza i cookies per migliorare il servizio offerto. I cookies impiegati sono solo quelli essenziali per il funzionamento del sito e sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookies e come cancellarli leggi la direttiva europea.

Accetta i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information